Apparecchio palatale e tempi

Ho 16 anni, mi è stata applicata da poco la parte palatale dell’apparecchio fisso a stelline, vorrei sapere più o meno per quanto tempo dovrei portarlo, se fino al termine del trattamento oppure fino a quando il palato non si sarà allargato secondo i canoni del dentista. > Risponde lo Specialista in Ortodonzia ASIO Dalla descrizione…

Apparecchio e dolori

Mia figlia sedicenne da due anni ha un apparecchio ortodontico sia nella parte inferiore che in quella superiore, per malocclusione. Inizialmente è stato preventivato che il problema si sarebbe risolto in un anno circa, ma a distanza di due anni la situazione non pare ancora risolta, vedo che la linea di divisione centrale dell’arcata superiore…

Morso aperto: cura ortodontica o logopedia?

La ma bambina di 7 anni ha il morso aperto. Non so se convenga prima un espansore o una terapia logopedica. > Risponde lo Specialista Asio. La presenza di un morso aperto nella maggior parte dei casi è associato a patologie della deglutizione in associazione a problematiche strutturali come il morso crociato laterale. L’atto della…

Ciuccio, malocclusione e difficoltà fonetiche

Mio figlio di 4 anni ha difficoltà fonetiche: abbiamo già contattato una logopedista che ha dato la colpa all’uso del succhiotto che è stato immediatamente eliminato.

Ora mi sono accorta che ha il morso anteriore aperto vorrei sapere se per essere curato necessita di apparecchio.

> Risponde lo Specialista Asio:

Il consiglio è quello di rivolgersi ad uno Specialista in Ortodonzia che possa analizzare a fondo la malocclusione presente e impostare l’adeguata terapia.

In molti di questi casi si renderà necessaria la collaborazione con altri specialisti come il foniatra, la logopedista, l’osteopata, ecc., al fine di correggere le varie componenti che possono concorrere all’insorgenza della malocclusione.

Malocclusione e dolori…

La mia ragazza ha 25 anni e la sua mandibola si “malocclude”. Fino a 2-3 settimane fa godeva di ottima salute, poi ha iniziato ad avvertire un forte dolore al collo (che la costringe a tenere una mano sul collo durante tutto l’arco della giornata), alla schiena (poco prima del fondoschiena e che anch’esso la costringe a tenere una mano sulla zona dolorante), e ad avere problemi di deambulazione (la gamba sinistra perde forza e non riesce ad alzarsi oppure camminare in modo disinvolto). Il neurologo ha ipotizzato una miopatia, il fisiatra crede che la soluzione sia l’intervento maxillofacciale…

> Risponde lo Specialista Asio:

Premesso che senza una visita molto accurata è impossibile ipotizzare una diagnosi, si deve sempre tenere conto che in molti di questi casi non è una sola la causa della patologia, ma che molti fattori possono concorrere alla stessa.

Espansore palatale o Quad Helix?

In una bimba di 6 anni, per allargare una palato stretto, è consigliato l’espansore palatale o un Quad Helix? Agiscono in maniera diversa?

> Risponde lo Specialista Asio:

L’espansore palatale detto disgiuntore ed il Quad Helix, anche se entrambe utilizzati per “allargare” l’arcata superiore al fine di armonizzarla con quella inferiore, agiscono in modo molto differente.
Il disgiuntore, come dice il termine stesso, agisce disgiungendo, ovvero aprendo le suture non ancora ossificate del palato e del terzo medio del cranio: questo comporta modificazioni della forma dell’arcata superiore, delle fosse nasali con implicazioni respiratorie.

Se la contenzione fissa si scurisce

Ormai dai 8 anni porto la contenzione fissa interna sia sull’arcata superiore che inferiore dei denti (messami dal mio ortodontista dopo l’apparecchio fisso) ed ho notato che negli ultimi 6 mesi nella parte inferiore si è completamente scurita (da bianca ora risulta essere color marroncino). Vorrei sapere se è normale il cambio di colorazione atteso che io non ho alcun disturbo o fastidio.

> Risponde lo Specialista Asio:

La contenzione fissa da lei descritta è uno splintaggio, ovvero il blocco permanete di alcuni elementi dentali effettuato mediante un sottile filo in acciaio modellato in modo passivo ed incollato ai denti mediante del composito (materiale generalmente utilizzato per la realizzazione di otturazioni estetiche).