Ortodonzia: qual è l’età giusta per…

è opportuno programmare la prima visita ortodontica? È una domanda che molto spesso gli specialisti in ortodonzia si sentono rivolgere da genitori che sono interessata a tenere sotto controllo il corretto sviluppo del cavo orale dei propri figli.

Questo è il consiglio che danno gli specialisti in ortodonzia di A.S.I.O.. Secondo l’AAO – American Association of Orthodontists – l’età giusta per la prima visita ortodontica è tra i 4 e i 7 anni. Questa fascia d’età è ideale prima di tutto dal punto di vista del bambino che può vivere l’incontro con serenità senza lo “stress” di un’urgenza terapeutica e lo specialista può intercettare eventuali problemi ortodontici scheletrici, funzionali o ortodontici, intervenendo in un’età in cui gli spostamenti avvengono più agevolmente. Continue reading

Aiuto! Si è staccato un bracket!

Durante un trattamento ortodontico può accadere che si distacchi un bracket, una delle piastrine che è parte dell’apparecchio ortodontico.

Può succedere che accada di sabato o domenica, a seguito di qualche alimento particolare. Gli speciaisti in ortodonzia consigliano di portare sempre con sè, durante il trattamento ortodontico,  la cera ortodontica, una cera spciale facilmente malleabile che si applica con semplicità su bracket staccato per proteggere la mucosa.Continue reading

Quand’è il momento ideale per portare mio figlio da uno Specialista in Ortodonzia?

Come convengono la totalità delle linee guida internazionali sulla prevenzione, l’età ideale per una prima visita per valutare il bisogno di un trattamento ortodontico dovrebbe essere tra i 5 ed i 7 anni. Così, si permette allo Specialista di valutare con attenzione lo sviluppo e la crescita delle arcate dentarie, lo sviluppo della corretta funzione della lingua e dei muscoli e la progressiva eruzione dei denti.Continue reading

Rischio di malocclusione, ci aiutano le radiografie

Specialisti del SorrisoQuando nella delicata fase della permuta dei denti da latte si sospetta l’insorgere di una malocclusione dentale è utile, assieme al proprio specialista in ortodonzia, definire la terapia sulla base di esami radiografici specializzati. Lorenza si rivolge agli Specialisti del Sorriso con questo quesito.

Mio figlio di quasi 13 anni è in ritardo nel cambio dei denti. Dall’ultima panoramica e teleradiogr lat. lat. abbiamo visto che i 2 canini definitivi sono occlusi nel palato. I due specialisti contattati sono entrambi d’accordo nel togliere i canini da latte, ma mentre il primo opta per un apparecchio che conservi lo spazio e nel contempo intervenire per scoprire i canini e dirigerli al loro posto, l’altro dice che una volta tolti i canini da latte, non c’è bisogno di nessun apparecchio ortodontico che conservi lo spazio, e vuole tenere il ragazzo in osservazione per 4/6 mesi e vedere se i canini erompono da soli.

Solo in un secondo momento intende intervenire chirurgicamente dirigendoli al loro posto. Io non so che fare anche perchè la posizione dei denti non è rassicurante: puntano verso le radici degli incisivi laterali. Mi aiutate? Grazie mille 

 Continue reading

Malocclusione? L’ortodontista recupera spazio con lo stripping

Per arcate dentarie più armoniche e un sorriso regolare, a volte la soluzione può essere una sola: lo stripping.

Lo stripping è una procedura utilizzata dall’ortodontista che consiste nel ridurre di pochi decimi di millimetro la quantità di smalto di alcuni denti selezionati, con sottili strisce abrasive o piccoli dischetti rotanti, ed è utilizzata principalmente in due casi.

Innanzitutto, lo stripping serve a correggere piccoli problemi di carenza di spazio. A causa dell’affollamento della arcate, l’allineamento dentario può risultare difficoltoso, ma grazie allo stripping è possibile recuperare parte dello spazio necessario. Per ottenere un lungo e duraturo risultato, però, lo stripping va ripetuto progressivamente più volte nel corso del trattamento.

Continue reading

Dentifricio e dito: un’accoppiata vincente?

Ecco una notizia che difficilmente troverete negli opuscoli e nelle informative che trattano temi di igiene orale. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Goteborg, in Svezia, lavarsi i denti con dito e dentifricio è molto più efficace rispetto al metodo tradizionale in cui si usa lo spazzolino: sembra infatti che l’abbinata dito-dentifricio doni un sorriso più pulito del 400%.

Questa scoperta si inserisce all’interno di una più ampia ricerca, pubblicata su Acta Odontologica Scandinavia, su un nuovo tipo di dentifricio con tripla dose di fluoro. Nel corso dello studio diretto dalla dottoressa Anna Nordstrom è stato scoperto che la superficie del dito permette di trattenere meglio il dentifricio e di distribuirlo in modo più omogeneo su tutta la superficie delle arcate dentarie.
I ricercatori però ci tengono a sottolineare che l’uso dello spazzolino non deve essere abbandonato. Per qualsiasi dubbio e per conoscere tutte le regole per un sorriso bello e sano, è sempre bene affidarsi a uno specialista in ortodonzia.

Igiene orale, cos’è? Italiani rimandati a settembre per la prova sorriso

I dati dell’analisi condotta da Datanalysis e presentata da AIDI (Associazione Igienisti Dentali Italiani) all’inizio del mese parlano chiaro: quasi il 60% del campione intervistato (1.000 italiani tra i 20 e i 60 anni) non fissa mai un appuntamento dall’igienista dentale, il 18% ci va solo una volta all’anno, mentre solo il 20% finalizza 2 sedute l’anno, il numero ideale.

Continue reading

Malocclusione: sempre più adulti con l’apparecchio ortodontico

Fino a qualche anno fa il trattamento delle malocclusioni era un privilegio lasciato alle nuove generazioni, ai bambini. Erano pochi gli adulti che si sottoponevano alle cure con l’apparecchio ortodontico e nel caso per motivi gravi, in quanto l’impatto estetico dell’apparecchio era uno scoglio difficile da superare nell’età adulta.

È il sito Adnkronos a segnalare l’inversione di tendenza in un articolo che riporta il seguente dato: un paziente che porta l’apparecchio ortodontico su 5 ha più di 40 anni, ed in questo sottogruppo circa il 40% sono donne. Ricerca di un’estetica migliore o ortodonzia trattata  con circa 20-30 anni di ritardo?

Continue reading