Skip to content

Sai riconoscere se il tuo è davvero uno specialista in ortodonzia?

CONDIVIDI SU:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram

Sai riconoscere se il tuo è davvero uno specialista in ortodonzia?

CONDIVIDI SU:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram

Probabilmente è una delle domande più frequenti che da paziente ti sei posto: come scelgo un buon ortodontista? Come faccio a riconoscerlo?

In questo articolo, abbiamo riassunto alcuni passaggi per aiutarti a scegliere correttamente il tuo Specialista in Ortodonzia e tutelare la tua salute orale e quella dei tuoi figli.

Ecco i passaggi importanti.

1. Prima di tutto bisogna essere chiari.

Uno specialista in Ortodonzia è prima di tutto e inequivocabilmente un dentista, e come tale è fondamentale che sia iscritto all’ORDINE DEI MEDICI OMCEO, ovvero all’ordine degli Odontoiatri, dove sono inclusi tutti i dentisti con il loro numero di iscrizione all’albo.

Questo che vuol dire?

Che il dentista che hai scelto è certamente laureato in Medicina o Odontoiatria.

Come fare per appurarlo: Vai sul sito dell’Ordine dei Medici che si trova qui https://application.fnomceo.it/Fnomceo/public/ricercaProfessionisti.public/?vmToForward=210 e procedi.

Se il nome e cognome del dentista che hai digitato non compaiono, assicurati di non aver commesso alcun errore. Diversamente, puoi iniziarti a chiedere se si tratta di un dentista o di un sedicente tale.

E’ fondamentale ricordare che solo chi è veramente in possesso dell’iscrizione all’albo e delle relative garanzie, competenze e assicurazioni è abilitato a “mettere le mani nella bocca” per curarla

2. Secondo punto fondamentale: NON tutti i dentisti sono Specialisti in ORTODONZIA.

Perciò, una volta aver verificato che il tuo Specialista in Ortodonzia è già iscritto all’Ordine dei Medici, puoi procedere nel chiedere ragionevolmente lumi sul fatto che abbia anche conseguito una SPECIALIZZAZIONE valida in ORTODONZIA.

La specializzazione in Ortodonzia è sempre rilasciata da un organo universitario o paritetico riconosciuto dal Miur, Ministero Istruzione Università e Ricerca.

Una volta che avrai appurato tutto questo, puoi iniziare a tirare un sospiro di sollievo, perché sei nelle mani di un professionista che ha tutte le carte in regola.

3. Assicurati che la visita sia effettuata proprio da lui e in diretta.

Molti studi lavorano in equipe, grazie all’aiuto di consulenti esterni. Esistono tuttavia diversi casi in Italia, in cui gli studi odontoiatrici si avvalgono del c.d. professionista in remoto, ovvero di un servizio “esterno” che valida i piani di cura. Certamente, a dare valore ai piani di cura c’è sempre un odontoiatra. Tuttavia, è bene ricordare che la visita condotta in prima persona dal professionista specialista in ortodonzia è preferibile a qualsiasi tipo di alternativa. Questo perché la fase della visita è personalizzata in base al paziente, alla sua conoscenza, al suo stile di vita. Non ultimo, alla fase della diagnostica, che viene realizzata in modo accurato attraverso la prescrizione o esecuzione di radiografie, misurazioni opportune, ecc.

Affinché questi esami siano validi, è importante che ad eseguirli – non solo leggerli – sia di fatto colui o colei che si occuperà di realizzare anche il piano di cura ortodontico.

In questo modo, potrai sempre avere di fronte l’interlocutore diretto e essere sereno di poter dialogare e chiarire dubbi e/o bisogni in qualsiasi momento.

4. Un altro punto fondamentale è che puoi far riferimento alle associazioni di riferimento per l’ortodonzia, che in genere hanno già effettuato le indagini di cui ai punti 1 e 2 per l’ammissione dei propri soci. Qui di seguito ti segnaliamo alcune delle più rilevanti:

In Italia le “associazioni” scientifiche ortodontiche più importanti sono la S.I.d.O (Società Italiana di Ortodonzia), l’A.I.d.Or (Accademia Italiana di Ortodonzia) e l’ A.S.I.O (Associazione Specialisti Italiani Ortodonzia).

Navigando nei portali di queste società è possibile trovare i nomi degli ortodontisti per provincia:

ASIO presenta un portale dedicato ai  soci (http://www.asio-online.it/) e il portale “Specialisti del Sorriso” dedicato a tutti gli utenti (http://www.specialistidelsorriso.it/) Sul nostro portale puoi trovare tutte le informazioni sugli Specialisti in Ortodonzia e ricercare i loro nomi per provincia.

– anche la SIDO consente l’accesso al suo portale (www.sido.it) e la visualizzazione (cliccando su “cerca l’ortodontista più vicino a te”) dei nomi per provincia.

– l’AIdOr (http://www.accademiaitalianadiortodonzia.it/) consente di consultare l’elenco dei suoi soci e capire se il nome che stai cercando sia quello di un socio attivo o provvisorio.

E’ importante verificare, ove possibile, che i soci siano prevalentemente attivi, indice di continuo aggiornamento e proattività degli specialisti.

5. Ultimo punto – ma non ultimo: REFERENZE.

Ebbene si, appurati tutti i dati di cui sopra, chiedi sempre di poter accedere, visionare, ascoltare le referenze del tuo specialista in ortodonzia.

Le referenze non sono altro che il passaparola verificabile dei pazienti che si sono curati e hanno avuto un successo terapeutico dalla cura in ortodonzia.

L’importante è che siano in chiaro e mai anonimi.

Al termine di questo articolo, che siamo certi potrà aiutarti a scegliere il tuo Specialista in Ortodonzia con criterio, ti ricordiamo che su questo portale potrai sempre ricercare Specialisti che sono già in possesso di queste caratteristiche e che possano garantirti il miglior risultato possibile.

Scegli con criterio. Scegli un vero Specialista in Ortodonzia. Scegli la sicurezza del tuo Sorriso.

HAI UNA DOMANDA PER GLI SPECIALISTI DEL SORRISO?

HAI UNA DOMANDA PER GLI SPECIALISTI DEL SORRISO?