Skip to content

Quali apparecchi si usano per il trattamento della apnea notturna?

CONDIVIDI SU:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram

Quali apparecchi si usano per il trattamento della apnea notturna?

CONDIVIDI SU:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram

L’apnea notturna vede come causa principale l’ostruzione delle vie aeree superiori, che si può verificare a livello del palato molle, delle tonsille, della lingua e dell’epiglottide.
Il trattamento ortodontico della apnea notturna deve essere sempre preceduto da una valutazione clinica e strumentale con polisonnografia da parte del medico del sonno ed ha come scopo quello di ridurre l’ostruzione, soprattutto a livello della base della lingua e dell’epiglottide.
La riduzione delle apnee notturne si ottiene con dispositivi rimovibili che avanzano la mandibola nelle ore notturne, perché la posizione della mandibola è fortemente correlata alla pervietà delle vie aeree.Gli apparecchi che si utilizzano sono più comunemente composti di due pezzi separati (uno superiore ed uno inferiore) collegati da un meccanismo (pistone in metallo, scivolo in resina, gancio in metallo..), che permette di raggiungere l’avanzamento efficace della mandibola in maniera graduale.
I dispositivi di ultima generazione sono ben tollerati ed efficaci in un’alta percentuale dei pazienti, soprattutto se il numero delle apnee notturne non supera le 30 all’ora.

HAI UNA DOMANDA PER GLI SPECIALISTI DEL SORRISO?

HAI UNA DOMANDA PER GLI SPECIALISTI DEL SORRISO?